Perché fare un sistema di anti intrusione

I dati delle forze dell’ordine ci dicono che i furti nelle abitazioni sono in aumento, e temiamo per la nostra Famiglia, la nostra casa, non sempre è sufficiente avere il cane, perché può essere tranquillamente addormentato, e la sicurezza PASSIVA della porta blindata e dei serramenti è ormai superata dai ladruncoli in possesso dei giusti arnesi da scasso.
Ecco perché serve implementare la nostra sicurezza con protezioni di tipo Attivo, vale a dire con l’installazione di un sistema di allarme antintrusione, che ha lo scopo in primo luogo di fungere da deterrente, perché scoraggia i malintenzionati ad avvicinarsi, a rinunciare al tentativo di furto, perché vedendo la sirena, i sensori, capiscono che c’è un rischio maggiore per compiere il furto.

intrsione-poliziotti-vignetta-bottino

Ma a cosa andiamo incontro quando si installa un sistema anti intrusione nella nostra proprietà?

 

Dobbiamo rompere i muri? NO perché con i moderni impianti non servono opere murarie, si installa in tempi brevi e senza opere invasive.
Quanto tempo serve? Dipende dalla grandezza della casa, mediamente una giornata di lavoro.
Se manca l’energia elettrica cosa succede? L’impianto non perde la sua funzione, perché è completo di accumulatori per una autonomia di 24 ore, e comunque segnala al proprietario la mancanza di energia elettrica.
Ma poi l’allarme suona per niente? Se l’impianto è ben studiato i falsi allarmi sono inesistenti, ma c’è la possibilità di far suonare la sirena per qualche minuto, che funge da deterrente per far fuggire l’intruso, o di attivare solo l’allarme ottico, o una segnalazione visibile solo alle forze dell’ordine e al proprietario.

 

 

Il sistema di antintrusione può essere di tipo cablato, ovvero con connessione tra le varie apparecchiature di cavi speciali dedicati, o tramite sistemi wireless, e fruibile attraverso Smartphone per verificarne le funzionalità e la gestione.

SIMPATICA VIGNETTA DI “LADRI” DIETRO LE SBARRE

intintrusione-ladri-simpatici-dita